Notizie di Musica

L’effetto della musica sul cervello, quando ti alleni

today22 Febbraio 2018

Sfondo
share close

Lo dice la scienza e l’esperienza lo conferma: la giusta playlist in allenamento è capace di cancellare la stanchezza e motivarcicome nessun’altra forma legale di doping. Ma il preciso meccanismo d’azione della musica sul cervello durante l’attività fisica non era finora ancora chiaro: isolare gli effetti neurali di una canzone a tutto volume da quelli innescati dal movimento del corpo è infatti particolarmente arduo, e questo fa sì che di rado questi studi siano compiuti fuori dal laboratorio.

Ora un gruppo di ricercatori della Brunel University di Londra ha utilizzato un elettroencefalogramma (EEG) portatile capace di schermare selettivamente alcuni stimoli per monitorare tre diversi tipi di onde cerebrali durante l’esercizio fisico.

Lo studio è stato compiuto mentre 24 volontari camminavano all’aperto, al proprio ritmo ideale e su una pista di 400 metri, ascoltando in cuffia un brano musicale (Happy di Pharrell Williams), un podcast di TED Radio Hours sulle città, oppure nulla.

Gli scienziati hanno valutato con alcuni test il grado di entusiasmo dei camminatori, il loro umore, la concentrazione e lo stato di allerta durante l’esercizio. Il caschetto EEG ha nel frattempo tenuto traccia della frequenza delle onde cerebrali in diverse bande nelle varie aree cerebrali.

fonte FOCUS

Scritto da: Andrea Secci

Rate it

Articolo precedente

Notizie di Musica

John Cale, a Torino unica data italiana

Le Ogr di Torino ospitano l'unica tappa italiana del tour di John Cale, cofondatore dei Velvet Underground. L'appuntamento è il 3 marzo alle 21 nell'ambito di Avantgarde Portrait, la nuova rassegna dedicata alle avanguardie musicali contemporanee. Ci sarà anche un live painting dell'artista Daniele Galliano che durante il concerto realizzerà un ritratto dei protagonisti. Accompagnato da una band di quattro elementi, John Cale presenterà un viaggio musicale che parte dal […]

today22 Febbraio 2018


0%