Asta record per l’hip-hop da Sotheby’s

Due milioni dollari di incassi, 600mila per corona Notorious BIG

L’hip hop debutta all’asta a New York e piovono milioni di dollari. La corona di plastica dorata indossata dal rapper Notorious B.I.G durante il servizio fotografico “King of New York” scattato per la rivista “Rap Pages” pochi giorni prima di essere ucciso è stata battuta per quasi 600 mila dollari, mentre una serie di lettere d’amore di Tupac Shakur adolescente hanno raccolto 76 mila dollari.

L’asta era la prima dedicata Sotheby’s al mondo del rap dopo il vasto successo riscontrato da anni dei cimeli del rock. Circa 400 gli aspiranti clienti da 19 paesi del mondo e oltre due milioni di dollari gli incassi. Il leggendario single in vinile di Rammellzee e K-Rob “Beat Bop” nella fodera originale disegnata Jean Michel Basquiat ha moltiplicato di 50 volte la stima di partenza, raggiungendo i 126 mila dollari: considerato “il Santo Graal” della musica rap per la sua rarità, è diventato ieri notte il disco di vinile più costoso venduto all’asta. Il 91% dei lotti ha trovato un compratore. Parte dei proventi andranno in beneficenza: tra le istituzioni destinatarie, la Biblioteca Pubblica di Queens per i suoi programmi hip-hop.

“L’hip-hop è nato a New York”, ha detto Cassandra Hatton, specialista di Sotheby’s per libri e manoscritti, riscontrando “forte interesse da parte di clienti di tutte le età e di importanti istituzioni culturali negli Stati Uniti”. La corrispondenza di Shakur, ucciso in una sparatoria a Las Vegas nel 1996, comprende 22 lettere d’amore del 16enne rapper a Kathy Loy, che per due mesi fu la sua ragazza quando entrambi frequentavano la Baltimore School for the Art. Della sparatoria di cui Tupac rimase vittima, fu inizialmente sospettato l’ex amico e rivale Notorious B.I.G., ucciso lui stesso sei mesi dopo a colpi di mitra mentre si trovava a Los Angeles.

La corona, indossata dal rapper (vero nome Christopher Wallace), era stata usata pochi giorni prima per un ritratto del fotografo Barron Claiborne (BC Africanus) che ieri l’ha messa all’asta. L’immagine, considerata “la più riconoscibile della cultura hip-hop”, fu poi usata per un famoso murale a Brooklyn, il quartiere dove Biggie era nato, in cui il rapper è ritratto come “Re di New York”. La corona è fatta di plastica e non avrebbe avuto valore senza la connessione con il musicista: di qui la stima di partenza di Sotheby’s di almeno 200 mila dollari che in sette minuti al cardiopalma si è raddoppiata attraverso le puntate di cinque contendenti.