L’aperitivo ai tempi del Coronavirus

#IOBEVOACASA con il BARLUME

Marzo Duemilaventi. O ventiventi, come va tanto di moda adesso in comunicazione. 

Ad ogni modo siamo a Marzo di un anno bisestile, diciottesimo giorno ufficiale di “isolamento mondo”, o giù di li. 

E si, perchè il popolo italiano ha chiuso attività commerciali, evitato assembramenti, stampato già cinque copie diverse di autocertificazione per uscire da casa. 

All’improvviso un popolo di panificatori e pasticceri. E incalliti runner. 

La distanza forzata ci pesa, e allora via di videochiamate. 

Videochiamate per lavoro, videochiamate per vedere i genitori, videochiamate con gli amici. 

Videochiamiamoci all’ora dell’aperitivo, facciamo due chiacchiere, cosi è quasi come se non fosse cambiato nulla. 

E allora, siccome io faccio marketing, e non mi piace scoprirmi cercatrice di lievito madre, ho apprezzato tutte quelle attività che in questo periodo si sono reinventate con servizi a domicilio, per rendere meno pesante questo blocco forzato. A casa ci portano la spesa (forse), la pizza, il sushi …. 
e, udite udite: i cocktail. 

Mai stato cosi geniale. Cosmopolitan, Negroni, Mojito e altri cocktail. Già pronti. Miscelati, guarnizioni comprese. Te li portano a casa, li bevi quando vuoi, magari durante la  videochiamata del venerdi sera con gli amici. 

Questa è la nuova iniziativa del BARLUME di Marina di Carrara.
Locale chiuso, ma non chiude mai la passione per il “buon bere”.

Della serie: se non puoi andare al Barlume, sarà il Barlume a venire da te. 

Io adesso direi che possiamo anche provare. 

Ci vediamo nel week end su skype. Ah, le patatine però compratevele. 

Sabrina Ricciarelli
Responsabile Marketing
Radio Nostalgia

P.S. Potete sempre bere guardando casa barlume, tutti i giorni in diretta sulla pagina Facebook alle 19.00