Premio Lunezia a Diodato per brano Fai rumore

Tra i giovani si distingue Matteo Faustini

E’ Diodato, con il testo di Fai rumore, ad aggiudicarsi, a poche ore dall’inizio del Festival di Sanremo, il Premio Lunezia.

“La struttura e l’intensità del testo annunciano un emozionante appuntamento con la musica”, afferma il patron del Premio Stefano De Martino. Per il critico musicale Dario Salvatori, membro della Commissione del riconoscimento “Diodato sembra suggerire l’arte del conversare ‘smooth’. Riproporsi in amore è quasi un gesto dovuto. Ma non avvicinatevi troppo e cercate il contatto visivo senza esagerare. Nessun imbarazzo. Un intonarumori sussurrato”.

Tra gli 8 giovani in gara il Comitato d’ascolto presieduto da Loredana D’Anghera (direttore artistico Lunezia Nuove Proposte) indica il brano “Nel bene e nel male” di Matteo Faustini. “Nel brano di Faustini l’alternanza con il recitato è in equilibrio con il crescendo della canzone. Uno stile di scrittura e interpretazione che evoca il passato e che per fortuna qualcuno non ha dimenticato”, spiega D’Anghera.

La XXV edizione del Premio Lunezia (Festival della Luna), si svolgerà su più date nel periodo estate/autunno 2020 tra Aulla e La Spezia.