Calyda dal Sunday Night al Web

CALYDA al Jux Tap di Sarzana foto di Nicola Tatarelli

Domenica scorsa è stata ospite del Sunday Night adesso è pronta a lavorare sul suo primo disco.

La cantante e autrice Letizia Argentano, in arte Calyda, è uscita su iTunes spotify e YouTube con il singolo “Light On You”, nel quale la sua voce è una forza che racconta il sogno della musica. Il suo produttore (etichetta discografica indipendente LM Record) e co-autore, Sergio Gabbani (padre di Francesco) dice: “Sarà una freccia di Cupido diretta al cuore di tutte le persone romantiche”

Calyda, nome che in arabo (Khalida) significa immortale e, come sostiene lei stessa: “La Musica è immortale, almeno per me”, scopre l’amore per le note fin dai primi anni della sua vita. Il padre, chitarrista jazz nella Milano negli anni ‘60, la fa ballare mentre gira il vinile della Nona di Beethoven. Nel 1991 inizia lo studio del pianoforte; a sei anni trascorre i pomeriggi esercitandosi alle scale per poi finire a suonare le sue prime composizioni personali. 

Fra i 18 e i 24 anni Calyda si dedica alla scrittura di canzoni e si esibisce a Parigi in occasione della Settimana della Moda, canta una composizione inedita che accompagna una performance artistica organizzata da una stilista. Questo è il primo vero concerto internazionale dove scopre di sentirsi in vita solo su un palco, con un microfono in mano e il pubblico davanti. Gli anni che seguono segnano un graduale avvicinamento al mondo della canzone passando per la musica blues e il jazz, infatti nel 2012 raggiunge la finale del Tour Music Fest, categoria interpreti “solista” con una rivisitazione in chiave personale di Summertime. Nel 2013 Calyda si iscrive al Conservatorio Jazz di Firenze nella classe di pianoforte (la cattedra di canto non esiste), ma nel giro di poco tempo si rende conto di non trovarsi a suo agio fra regole e virtuosismo dell’ambiente accademico. Nello stesso anno vince il Tour Music Fest nella categoria “cantautori”, segue un tour a Berlino. Nel 2014 ottiene il premio della critica al concorso Musica Controcorrente.

Nel 2016 si esibisce di nuovo in occasione della Settimana della Moda, questa volta in una performance musicale a tutto tondo in cui Calyda indossa una tuta sperimentale costituita da una serie di sensori posizionati in varie parti del corpo; a ogni sensore sono attribuiti suoni e accordi azionati con un tocco delle mani. Calyda sperimenta fra tradizione e avanguardia, ma la canzone resta il mezzo espressivo che preferisce, continua a comporre e a suonare al pianoforte.

Nel 2017 conosce Sergio Gabbani, trova in lui un produttore e un mentore. Insieme, oggi lanciano il primo singolo “Light on you”

“Quando ho sentito per la prima volta le idee musicali di Calyda – afferma Gabbani – ho avuto la chiara sensazione di ascoltare un’artista che scriveva ed interpretava in maniera internazionale, fuori dagli schemi melodico-armonici nazionali (con tutto il rispetto per gli stessi). La sua diversità è ciò che mi ha incuriosito di più. Così, strada facendo, abbiamo scritto e prodotto brani sufficienti per poter pubblicare un primo album… la sua vera forza – conclude Gabbani – esplode quando sale le scalette di un palco e può esprimere tutta la sua capacità interpretativa di fronte al pubblico”.