107.000 buoni motivi per parlare bene di Riccardo Corredi


107.000 buoni motivi per parlare bene di Riccardo Corredi Riccardo CorrediRiccardo Corredi “l’inimitabile”, si presenta a radio Nostalgia.

Questa settimana parliamo con Riccardo Corredi, “l’inimitabile”, da dj fino alle televisioni nazionali.

1. Cosa fa la tua attività?

La mia è un azienda che produce materassi, esclusivamente produzione italiana e poi li vendiamo sul territorio attraverso una capillare presenza di punti vendita in Toscana, punti vendita di nostra proprietà oppure nostri affiliati. Produciamo materassi di molti tipi, da 190 euro fino al presidio medico, produciamo letti con struttura portante, produciamo poltrone. Abbiamo appena compiuto i nostri 40 anni di attività, per festeggiarli ci sono molte offerte nei negozi, e un rivoluzionario modo di acquisto nel settore… puoi portarti a casa un materasso nuovo senza acquistarlo… ma per capire come dovete venire ad informarvi qui da noi!

2. Raccontaci la tua storia: come sei arrivato fino qui?

Ho iniziato nel 1978 come DJ e sono diventato commerciale. Un percorso strano, ma in quegli anni ho creato le prime televendite nelle reti locali e non. Il successo arrivò subito, ma difficile è mantenerlo, non montarsi la testa. Ma io in fondo sono commerciante, ho la passione per il lavoro. Quando negli anni 2000 le telvendite si stavano trasformando in vendite successive “porta a porta”, non mantenendo i prezzi promessi, allora ho preso una decisione importate. Io e i miei figli abbiamo deciso di aprire i punti vendita monomarca in franchising. Oggi abbiamo 12 negozi in tutta la Toscana e uno a Sarzana. 

3. Quali caratteristiche ti rendono migliore degli altri?

Lo dice il mio slogan: di me ti puoi fidare. Non ho caratteristiche particolari, ma prometto quello che dico. Tutelo il cliente negli anni, gli garantisco una produzione e una qualità tutta italiana. 

4. Cosa consiglieresti a chi vorrebbe creare un’attività nel tuo settore?

Il mio consiglio spassionato è essere cosciente. Se apri una attività oggi significa mettere a rischio i soldi e tutta la parte commerciale. Chi vuole aprire una attività deve porre attenzione a moltissimi fattori: dove apre, come apre.. lo Stato non aiuta gli imprenditori, bisogna essere forti , determinati e saper fin dove si può rischiare.

5. Cosa consiglieresti ai giovani di oggi?

A me dispiace quando vedo giovani bravi che vanno all’estero. E’ un peccato che in Italia non si riesca a tenere i giovani professionisti e creare opportunità di lavoro. Quando invece i giovani hanno la fortuna di nascere all’interno di una attività familiare, mi piacerebbe che seguissero i consigli dei genitori, che li ascoltassero. L’esperienza insegna sempre. Bisogna essere umili, fare un po’ di sana gavetta, avere buona volontà e perseveranza.

6. In cosa ti aiuta la pubblicità su Radio Nostalgia?

Io vengo dalla radio, ero quello del programma “Riccardo Il Quizzardo, gioco duro ma gagliardo”. Ho sempre creduto nella radio perchè la ascolti ovunque, è fruibile da tutti, ha un pubblico ampio. Radio Nostalgia passa la migliore musica anni 80 più le nuove proposte, mi è sempre piaciuta e la scelgo da tanti anni ormai. E’ una radio con poco parlato, piacevole da ascoltare. Per questo la pubblicità funziona, consolida il mio posizionamento su mercato, consolida e aumenta la mia visibilità.

7. Cosa ti piace del servizio di Radio Nostalgia?

E’ una radio attenta ai bisogni del cliente. Flessibile. Smart. Propone un pacchetto di servizi dalla consulenza pianificazione, alla vendita spazi alla produzione spot. A volte i blocchi pubblicitari sono un pò troppo lunghi… ma è il prezzo che paga una radio che funziona. I ragazzi sono sempre disponibili, pronti ad accontentare tutte le esigenze.

8. A chi consiglieresti Radio Nostalgia, e perchè?

Generalmente io sono un’azienda trainante in questo. Consiglio spesso Radio Nostalgia ad altre attività, è una radio che funziona, che è forte sul territorio. Tutte le attività commerciali dovrebbero provarla. Lo dice Riccardo Corredi, e di me ti puoi fidare.