Perchè Sanremo è Sanremo 10-02-2017

Perché Sanremo è Sanremo con David De Filippi dal 6 all’11 Febbraio alle 16.30 su Radio Nostalgia

Sanremo. Serata delle cover.
La puntata del giovedì sanremese è iniziata con l’ascolto dei brani delle nuove proposte. Purtroppo, il toscano Tommaso Pini non ce l’ha fatta a proseguire la corsa, ma un applauso per il prosieguo della sua carriera se lo merita tutto, anche per il look, un po’ da Cappellaio Matto di Alice, ma sicuramente degno di nota.

Il resto è stata una macedonia di sapori: dai giovanissimi del coro dell’Antoniano, all’ostetrica novantenne che si sente un po’ in colpa per essere a Sanremo e aver così lasciato in attesa una sua assistita in dolce attesa. E vicina alla rottura delle acque.

Poi c’è stata l’orchestra dei Reciclados, che non è una banda formata da politici in pensione, ma un gruppo sudamericano che dà nuova vita ai rifiuti, trasformandoli in strumenti musicali.

Tra tutto questo, l’umorismo di Crozza, quello di Luca e Paolo, Alessandro Gassman e Marco Giallini per un po’ di promozione e la performance di Mika, poliedrico folletto e star della musica internazionale.

Nelle cover, il fiorentino Marco Masini ha voluto ricordare Giorgio Faletti e la sua “Signor Tenente”. Un brano che fa riflettere oggi esattamente come quando Faletti lo propose, nel 1994.
E tra i toscani continua la corsa di Francesco Gabbani. Ieri alcune testate lo davano tra i favoriti e la sua “Occidentali’s Karma” dà proprio l’impressione di essere il brano più energico della manifestazione.
Vedremo stasera e domani come andrà a finire.