Notizie di Musica

Anastacia e la sua ‘Resurrection’ tra i fan adoranti

Urla il suo nome, le intona ”Sei bellissima” e piange quando le rivolge una domanda. Il pubblico italiano ama ancora moltissimo Anastacia e l’incontro con i numerosi fan di questo pomeriggio alla Libreria Feltrinelli di Milano ne e’ la dimostrazione.

La cantante da 30milioni di dischi venduti nel mondo presentava il suo ultimo album ‘Resurrection’ e per l’occasione ha annunciato il prossimo concerto all’Arena di Verona l’1 giugno. Sul palco, per festeggiare i ”100 anni d’Opera + 1” dell’Arena, ci saranno anche Massimo Ranieri, il Volo, Riccardo Cocciante e verranno presentati diversi momenti tratti dalle opere piu’ famose e da due musical, Jesus Christ Superstar e Notre Dame de Paris. Anastacia sara’ accompagnata da una grande orchestra ma non ha voluto aggiungere particolari su quello che fara’. Vestito lungo, cappellino e giacca di pelle, Anastacia ha raccontato quale sia stata l’esperienza che piu’ l’ha segnata in Italia, quella a fianco di Pavarotti: ”non dimentichero’ mai quel momento”, ha spiegato, ”lui ha cantato una mia canzone, proprio accanto a me. Credo sia stata l’esperienza piu’ intensa di tutta la mia vita. Di fronte a tanta bravura pero’, ho iniziato ad avere dei dubbi sulla mia voce e lui mi ha detto che la mia voce non sbagliera’ mai”. La recente lotta di Anastacia contro il cancro (il secondo nella sua vita) ha ispirato il titolo ‘Resurrection’: ”ho scoperto di essere malata proprio mentre stavo registrando questo lavoro percio’ ho deciso che se fossi guarita sarebbe stato l’album della resurrezione”. La musica e l’affetto dei fan, che ha sempre sentito molto, l’hanno aiutata: ”all’inizio non vi ho mostrato le foto di me in ospedale”, ha confessato ai fan, visibilmente commossa, ”perche’ non vi volevo turbare. Ma ora voglio urlare a tutti che si puo’ lottare e si puo’ vincere”. A una fan che le ha chiesto che cosa direbbe oggi a Michael Jackson, Anastacia ha rivelato: ”spesso mi vengono in mente proprio le ultime conversazioni che abbiamo avuto al telefono, cosi’ intime, dove ci raccontavamo le cose piu’ semplici. Mi manca, mi ha influenzata molto”.

Commenta

Click here to post a comment

Capodanno
ChargeCarRental


Francesco Gabbani a Firenze