Fabrizio Moro – L’eternità

È eterno il sorriso ingenuo di un bambino 
Sono eterne le mie parole in un bicchiere di vino 
È eterna la radice di un albero che ha visto la storia 
Un pensiero contaminato dalla memoria
È eterno chi ha scelto di vivere a suo modo 
La mia voglia, la pace, la guerra 
Fra il gatto ed il topo 
È eterno un soffio di vento mentre chiudi i tuoi occhi 
E ogni cosa che ti dà un emozione quando la tocchi
Aspetta qui per un minuto 
E stringi le mie mani fino all’infinito 
Che se ti guardo io non ci credo 
Che da domani sarà tutto cambiato 
E non ci vedremo più 
Quando in fondo l’eternità per me sei tu
È eterna la festa che fanno nel mio quartiere 
Chi salta dalla vetta più alta quando sta per cadere 
La leggerezza quasi scontata di questa canzone 
Un’idea che cambia il pensiero di tante persone
Aspetta qui per un minuto 
E stringi le mie mani fino all’infinito 
Che se ti guardo io non ci credo 
Che da domani sarà tutto cambiato 
E non ci vedremo più 
Quando in fondo l’eternità per me sei tu
Che se ti guardo io non ci credo 
Che da domani sarà tutto cambiato 
E non ci vedremo più 
Quando in fondo l’eternità per me sei tu