This Day in Music

22 Giugno 1963: little, very little Stevie Wonder…

“Tutti noi possediamo delle capacità . L’unica differenza sta in come le utilizziamo”

Il 22 Giugno 1963, uno Stevie Wonder appena tredicenne, entrò nella classifica dei singoli americani con “Fingertips Parts One e Two”.

Il vero nome di Wonder è Steveland Twiki Hardaway Judkins, ed è un cantante, polistrumentista e compositore statunitense. Leggenda della musica soul, è uno dei più apprezzati cantanti e musicisti della storia della black music. Cieco a causa di una retinopatia dovuta a difficoltà durante il parto prematuro e peggiorata da un’eccessiva quantità di ossigeno nell’incubatrice, prese il nome di Steveland Morris quando la madre si separò dal marito e, portando con sé i figli, assunse legalmente questo cognome. Wonder è una leggenda della musica pop: bambino prodigio che a soli quattro anni suonava già il piano, è capace di suonare il basso, la tastiera, la batteria, le percussioni e l’ armonica a bocca.

Ha vinto 25 Grammy Awards; l’uso dei bassi synth, del clavinet, ancora i synth usati per creare intrecci contrappuntistici/melodici come se si trattasse di archi o fiati e la sovraincisione delle sue stesse voci che creano multiple voci soliste, sono solo alcuni degli elementi distintivi delle sue innovazioni stilistiche. Wonder ha sette figli; l’ultimo, Mandla Kadjay Carl Steveland Morris, è nato il 13 maggio 2005, ed è il secondogenito di Wonder con l’attuale moglie, Kai Millard Morris. Il primogenito si chiama Kailand Morris.

{youtube}b2WzocbSd2w{/youtube}

Commenta

Click here to post a comment