This Day in Music

19 Giugno 1968: The Rolling Stones!!!

I Rolling Stones, il 19 Giugno 1968, ottengono la loro settima prima posizione con il singolo “Jumpin Jack Flash”, pezzo che letteralmente colpito la vetta delle classifiche.

Keith Richards ha dichiarato che il testo è stato scritto da lui e Jagger, mentre erano nella sua casa di campagna e il giardinieri li ha svegliati. Quando Jagger ha chiesto che cosa era quel rumore, Richards ha risposto: “Oh, questo è Jack – è Jumpin ‘Jack.” Pubblicato nel 1968 su disco singolo a 45 giri, il singolo riporta sulla facciata B la canzone “Child of the Moon”. Il mensile musicale Rolling Stone ha classificato il brano al 125º posto nella Lista delle 500 migliori canzoni . Il pezzo fu visto come un ritorno della band alle loro radici blues dopo la pubblicazione dell’album “Their Satanic Majesties Request”. Il primo album in cui la canzone apparve fu la raccolta di successi “Through the Past, Darkly”(Big Hits Vol.2).

I Rolling Stones, tanto per ricordarlo, è composto da Mick Jagger (voce, armonica), Keith Richards (chitarre, voce), Ronnie Wood (chitarre, cori) e Charlie Watts (batteria, percussioni). È una delle band più importanti e tra le maggiori espressioni della miscela tra i generi della musica rock e blues, quel genere musicale che è l’evoluzione del rock & roll anni cinquanta, da loro rivisitato in chiave più dura con ritmi lascivi, canto aggressivo, continui riferimenti al sesso e, talvolta, alle droghe pesanti. Furono chiamati i “brutti, sporchi e cattivi” e contrapposti ai più rassicuranti Beatles, anche se tale contrapposizione fu spesso creata dagli stessi Rolling Stones che si comportavano in modo volutamente antitetico rispetto ai Beatles (con i quali ebbero peraltro sempre un ottimo rapporto di stima e amicizia), proponendo così un modello alternativo a uso e consumo della stampa musicale. I Rolling Stones sono stati, e sono tuttora, un’autentica pietra miliare nell’evoluzione della musica rock del XX secolo, portando sotto i riflettori il malcontento e di conseguenza la protesta di intere generazioni, incarnando così il travagliato spirito dei grandi bluesman del passato.

{youtube}eQSGw0hMd_I{/youtube}

Commenta

Click here to post a comment