This Day in Music

2 Giugno 1981: Rino Gaetano muore all’età di 30 anni a causa di un incidente stradale!

“Sento che, in futuro, le mie canzoni saranno cantate dalle prossime generazioni.”

Il cantautore Rino Gaetano,Rino Gaetano è morto nella notte fra il 1° e il 2 giugno del 1981, a Roma, in un terribile incidente d’auto sulla via Nomentana. Aveva solo trent’anni. Quella notte se ne è andato uno dei cantautori più originali nella storia della musica italiana.

I suoi brani e il suo modo di essere, però, hanno resistito al passare del tempo. Capace di emozionare con ruvide canzoni d’amore, di stupire con i suoi no sense o di graffiare il potere con il leggero sberleffo di brani come “Nuntereggae più”. Rino Gaetano ha lasciato un segno profondo nella musica leggera italiana, tanto che ancor’oggi, più di vent’anni dopo, le sue canzoni sono cantate, ballate e rilette da altri artisti. I suoi dischi, inoltre, continuano a scalare le classifiche, come succede solo ai grandi. Rino Gaetano nasce il 29 Ottobre 1950 a Crotone e vi risiede fino a quando, nel 1960, i suoi genitori decidono di trasferirsi a Roma nel quartiere popolare di Monte Sacro.

Aspirante geometra, allevia gli studi dilettandosi a coltivare i primi interessi per il mondo del teatro. Inizia inoltre i suoi primi approcci musicali imparando a suonare la chitarra e componendo le sue prime canzoni. Il mondo musicale lo accoglie con perplessità per il suo modo ironico e singolare di proporre i pezzi, ma viene però notato da alcuni discografici romani suscitando la loro curiosità. Il resto è storia, un racconto che passa dal festival di San remo all’intervista con Maurizio Costanzo, al suo cilindro. Le parole delle sue canzoni sono ermetiche, innovative, veloci, moderne. Da “Gianna”, a “Mio Fratello è figlio unico” fino ad arrivare ad “Aida”, poesie che ancora oggi suscitano grandi emozioni. Ciao grande Rino!

{youtube}E4tz68hyT8s{/youtube}

Commenta

Click here to post a comment