Notizie di Musica

Madonna all’attacco di Putin e Maduro

C’era un tempo in cui l’arte rifletteva ci che succedeva nella società. Artisti come Marvin Gaye, Stevie Wonder, Richard Pryor o Jean-Luc Godard facevano dichiarazioni politiche attraverso la loro arte. Sono le parole di Madonna, che dalle pagine del nuovo numero de L’Uomo Vogue – che le dedica la copertina, e un conturbante servizio fotografico firmato da Tom Munro – racconta del suo nuovo progetto ‘Art For Freedom’.

Si tratta di una piattaforma digitale, in collaborazione con Vice Media, che ospita video, foto, illustrazioni e documentazioni di performance che parlano di intolleranza e persecuzione. L’obiettivo di ‘Art For Freedom’ incoraggiare le persone a credere che con l’arte possono produrre un cambiamento nel mondo, ma anche un urlo contro la mercificazione della creatività. ‘Lasciandoci consumare dal corporate branding, preoccupandoci dell’approvazione altrui e promuovendo solo quel che accettabile e popolare, uccidiamo la nostra arte e ci che unico al suo riguardo’, afferma Madonna.

”Art For Freedom’ combatte contro stereotipi, bigottismo e discriminazione, in favore dei diritti civili e dell’accettazione delle differenze. Ci sono nemici, tiranni, fascisti e dittatori, persone che distruggono la vita di altre persone o tolgono loro la libertà: come Putin o il primo ministro del Venezuela’, si anima la star.

‘In realtà il nemico dentro di noi. Consapevoli o meno – aggiunge – siamo costantemente nello stato di discriminare e giudicare gli altri. La prima cosa che dobbiamo cambiare, quindi, noi stessi. Lo hanno detto tutti i grandi leader, da Gandhi a Martin Luther King, da John Kennedy a Nelson Mandela’.

Il suo prossimo disco sarà connesso ad ‘Art For Freedom’ e c’è da aspettarsi di vederla sempre più coinvolta e impegnata. ‘Non ho altra scelta. Non c’è modo di tornare indietro a questo punto. Questo il mio ruolo nel mondo, questo il mio lavoro come artista: ho una voce e ho bisogno di usarla’.

Commenta

Click here to post a comment