This Day in Music

1 aprile 1984: Marvin Gaye ucciso dal padre

Marvin Gaye, all’anagrafe Marvin Pentz Gay Jr., è stato un cantautore,produttore discografico e arrangiatore statunitense, artista di spicco della musica soul e rhythm and blues.

Nato a Washington il 2 aprile 1939, è morto a Los Angeles il 1º aprile 1984. Ottenne fama internazionale tra gli anni sessanta e settanta presso la famosa casa discografica Motown.

Ancora oggi i suoi dischi sono molto richiesti sul mercato e influenzano anche le generazioni più giovani grazie al suono fresco, sinuoso ma allo stesso tempo complesso e dotato di una profondità che richiede un ascolto prolungato per essere colta.

L’artista è ancora così attuale soprattutto tra i giovani, perchè nei suoi testi tratta temi caldi inerenti alla politica, l’economia, l’ambiente, l’amore e i conflitti internazionali. Anche per il suo impegno, le sue lotte contro il sistema e il forte richiamo alle radici della musica afro-americana, è considerato uno degli artisti più importanti della sua era.

E’ stato ucciso con un unico colpo al cuore sparato da suo padre, il reverendo Gaye, con una pistola che il figlio gli aveva regalato poco tempo prima. Il reverendo, che non oppose resistenza all’arresto, disse che sparò per legittima difesa. Marvin stava passando un periodo difficile.

 

{youtube}Y7dGdrP3pms{/youtube}

Commenta

Click here to post a comment